Feeds:
Articoli
Commenti
P. Eugenio Elias

P. Eugenio Elias

Padre Eugenio Elias ci lascia: dopo sei anni di servizio come Parroco della Cattedrale a Tunisi è stato chiamato a svolgere il suo ministero in Francia, nella Diocesi di Lione.

Gli subentra Padre Sergio Perez, che arriva a Tunisi dalla diocesi di Prato, in Italia, dove

Pade Sergio Perez

Pade Sergio Perez

per tre anni ha svolto la sua attività ministeriale in qualità di Parroco della parrocchia di Gesù Divino Lavoratore.

Della solenne cerimonia di ingresso di Padre Sergio e di saluto a Padre Eugenio, avvenuta nel corso della celebrazione della S. Messa officiata Domenica 9 Agosto  alle ore 11 nella Cattedrale e presieduta dal Vescovo Mons. Maroun Lahham, è stata data notizia con un servizio video sul quotidiano online Pratoblog.

Un grazie di cuore ad entrambi da tutta la nostra comunità!

papa_com1“A volte si ha l’impressione che la nostra società abbia bisogno di un gruppo almeno, al quale non riservare alcuna tolleranza; contro il quale poter tranquillamente scagliarsi con odio. E se qualcuno osa avvicinarglisi – in questo caso il Papa – perde anche lui il diritto alla tolleranza e può pure lui essere trattato con odio senza timore e riserbo.”

Con queste Parole si avvia alla conclusione la splendida lettera che Sua Santità Benedetto XVI ha inviato ai Vescovi, e dove affronta, senza mezzi termini e con uno stile inconsueto, il tema della revoca della scomunica dei cosiddetti “Lefebvriani”.

Il testo è talmente chiaro, cristallino e, a tratti, persino commovente che abbiamo scelto di pubblicarlo integralmente. senza aggiungere uteriori commenti. Una sola cosa vogliamo dire: siamo vicini, col cuore e con la mente, e soprattutto con la nostra preghiera, al Santo Padre.

teresa-di-calcutta-sSignore,
quando ho fame,
dammi qualcuno che ha bisogno di cibo;
quando ho sete, mandami qualcuno
che ha bisogno di una bevanda,
quando ho freddo,
mandami qualcuno da scaldare,
quando ho un dispiacere,
offrimi qualcuno da consolare,
quando la mia croce diventa pesante,fammi
condividere la croce di un altro,
quando sono povero,
guidami da qualcuno nel bisogno,
quando non ho tempo,dammi qualcuno che
io possa aiutare per qualche momento,
quando sono umiliato,
fà che io abbia qualcuno da lodare,
quando sono scoraggiato,
mandami qualcuno da incoraggiare,
quando ho bisogno di compressione degli altri,
dammi qualcuno che ha bisogno della mia,
quando ho bisogno che ci si occupi di me,
mandami qualcuno di cui occuparmi,
quando penso solo a me stesso,
attira la mia attenzione sù un altra persona.

M. Teresa di Calcutta

screenLa comunità Adveniat di Assisi: un’oasi di preghiera e di fraternità.
Un breve filmato.

di Giacomo Fiaschi

Tunisi, 28 febbraio
Ho avuto occasione, nel mio recente viaggio in Italia, di soggiornare brevemente nel convento francescano della Comunità Adveniat in S. Maria in Arce, presso Assisi, dove le mie due sorelle Elena ed Elisabetta vivono la loro vita consacrata. Continua a leggere »

San Tommaso d'Aquino

San Tommaso d'Aquino

In memoria di P. Tommaso Pierfrancesco Carlesi O.P.
Di Giacomo Fiaschi

Tunisi, 28 Gennaio 2009

Il 28 Gennaio la Chiesa ricorda San Tommaso d’Aquino.
Nell’immaginario di tante persone la sua figura evoca quanto di più “tradizionalistico” e “dogmaticistico” ci sia nella filosofia e nella teologia cattolica. Niente di più falso. Continua a leggere »

nataleGente che sapeva pregare

“Il figlio dell’uomo nascerà ancora una volta nel porcile del disprezzo?”, chiede il coro all’inizio dell'”Assassinio nella Cattedrale”. Si avvicinava il Natale del 1170 e l’omicidio dell’Arcivescovo di Canterbury era già stato decretato dal Re Enrico II. Di fronte a tanta iniquità, i fedeli si chiedono scettici se sarà possibile che il Signore continui a nascere ancora. Cristo, però, non rinuncia e persino l’Arcivescovo avrà il tempo di celebrare la nascita qualche giorno prima di essere assassinato[1]. Continua a leggere »

pacePubblichiamo il testo integrale (scaricabile da qui) del Messaggio di Benedetto XVI per la 42a Giornata Mondiale della Pace 2009, che si celebra il 1° gennaio 2009 sul tema “Combattere la povertà, costruire la pace”, presentato questo giovedì in Sala Stampa della Santa Sede.
Ne riportiamo di seguito un brano significativo: il Papa va ben oltre un semplice richiamo alla pace, e indica quali sono le iniziative concrete che devono essere adottate.
” (…) Un quinto ambito relativo alla lotta alla povertà materiale riguarda l’attuale crisi alimentare, che mette a repentaglio il soddisfacimento dei bisogni di base. Continua a leggere »