Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Arte e Cultura’ Category

Il M.o Alberto Bogani

Le pitture murali di Alberto Bogani della Chiesa de La Goulette a Tunisi.

di Giacomo Fiaschi

Tunisi, 18 Dicembre 2009

Il Maestro Alberto Bogani ha terminato il lavoro, iniziato un anno or sono, nella Chiesa Parrocchiale di Sant’Agostino a La Goulette. Usando la tecnica della pittura murale con colori acrilici Bogani ha rappresentato la Parousia sulla volta centrale, la Sacra Famiglia e Maria Ianua Coeli sulle volte laterali e, infine, sulla cupola centrale, le tre virtù teologali e le quattro virtù cardinali che conducono, sempre attraverso Maria, alla Trinità. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Coppo di Marcovaldo - Crocifisso

Coppo di Marcovaldo - Crocifisso

Dal sito del Corso di formazione professionale “La passamaneria fabbricata a mano” riportiamo questo articolo.

Sin dagli albori del cristianesimo la Croce ha rappresentato quella che l’apostolo Paolo definì “scandalo per i giudei” e “follìa per i pagani”.

La Croce, come simbolo di appartenenza ad una fede, torna ad essere oggi, grazie anche alla multiculturalità nella quale ci siamo trovati, bene o male, a vivere, una vera e propria provocazione. (altro…)

Read Full Post »

Icona Akathistos

Icona Akathistos

In occasione della solennità dell’Assunzione, pubblichiamo il terzo “Quaderno della Comunità”. In esso troverete la presentazione dell’Inno Akathistos alla Madre di Dio, accompagnata da alcune riflessioni personali.
La composizione viene considerata nella sua struttura, nelle fonti da cui, in qualche modo, dipende e nel suo
aspetto teologico mariano.
Il testo greco, (con la sua traduzione italiana), è quello curato e pubblicato da E. Toniolo

(Per scaricare il “Quaderno” fare click sull’immagine a fianco.)

Un augurio sincero a tutti i lettori!

Read Full Post »

Martirio delle Sante Perpetua e Felicita (G. Gottardi 1780-90 Faenza, Pinacoteca)

Martirio delle Sante Perpetua e Felicita (G. Gottardi 1780-90 Faenza, Pinacoteca)

Il racconto del martirio di Perpetua e di Felicita
Due donne libere tra secondo e terzo secolo
di Cristiana Dobner

Da “L’osservatore Romano”, 26 Giugno 2008

Cartagine 203, Cartagine 2008.
Chi oggi sia pellegrino ai luoghi della cristianità nascente, o anche semplice turista attento, una volta giunto al punto che la guida indica come l’anfiteatro romano – con le sue alte arcate, era uno dei più grandi dell’impero – deve porsi nell’esercizio della composizione di luogo: ben poco infatti richiama la realtà del secondo secolo, regnante l’imperatore Settimio Severo.
L’anfiteatro, è noto, era un luogo di divertimento e gli spettatori si accalcavano sui gradini intorno all’arena per godersi i giochi circensi: gladiatori e uomini armati combattevano contro belve feroci. Giochi cruenti, ma frequentatissimi.
Una colonna oggi ricorda il luogo del martirio di una giovane patrizia e della sua piccola comunità; martirio tramandato, in presa diretta sulla realtà, grazie alla penna della stessa Vibia Perpetua, di soli ventidue anni, uccisa insieme a Felicita. (altro…)

Read Full Post »

Dal sito di Fabio pubblichiamo questo studio che ci introduce alla comprensione dell’icona per eccellenza, “La Trinità” di Andrej Rublev.

La Trinita’ di Rublev

Come specificato in questo mio post, sto studiando l’icona della Trinita’ originariamente dipinta (usando i termini appropriati dovrei dire “scritta”) da Andrej Rublev nel primo 30ennio del 13mo secolo. Studiarne la tecnica, la composizione, i colori, per l’iconografo non e’ sufficiente… al fine di poter affrontare un lavoro iconografico, il pittore ha il dovere di entrare nelle profondita’ dell’icona, scoprirne le radici, analizzare i passi delle sacre Scritture che ispirarono l’originale autore, comprendere quale messaggio si voleva trasmettere con la realizzazione del modello da cui si trae ispirazione. La Trinita’ di Rublev e’ considerata il massimo esempio tra le icone rappresentanti l’episodio biblico de “L’ospitalita’ di Abramo”, riconosciuto come la prima prefigurazione del Dio Trinitario. (altro…)

Read Full Post »